I tram e la sosta selvaggia

I tram e la sosta selvaggia

La sosta selvaggia, uno dei mali che affligge Roma, è ancora più dannosa per i tram che, per ovvi motivi, possono solo fermarsi. Possibile che non si possa fare nulla?


La sosta selvaggia, ovvero "Sto a lavorà" o "Un minuto che la levo" è uno dei mali che affligge il trasporto pubblico romano, questo costume censurabile rallenta la velocità commerciale del mezzo pubblico, diminuendone drammaticamente l'attrattiva.

Se poi parliamo di Tram il problema raggiunge il suo apice, infatti, per ovvi motivi, il tram in caso di sosta sui binari, ferma il servizio e se leggi il flusso sul nostro Canale Telegram Roma Trasporti News 24 ,non c'è giorno in cui il servizio della misera rete tranviaria non venga sospeso.

Oltre a stigmatizzare questa pratica, cosa si può fare?

C'è chi propone di usare il pugno di ferro contro chi parcheggia "ndo capita", oppure di predisporre un arredo urbano che non permetta tali pratiche.

Tu cosa proponi, lascia la tua opinione nei commenti.

Ci sarebbe poi un'altra domanda che sorge spontanea: ma perchè si continua a tollerare questi comportamenti? Nella foto di Filippo si può facilmente capire che ci troviamo a Piazza di Cinquecento - per i meno pratici di Roma, la piazza antistante la Stazione Termini - il cuore della Capitale.

Commenti

  1. Una sola cosa sarebbe efficace: lo zoccoletto di marmo che protegge la sede tramviaria e gente in Campidoglio con le palle che arrivino a dire "me ne fotto delle vostre automobiline". Ma se il Gelataio del Re l'ha fatta levare, la preferenziale, di cosa stiamo parlando? Di una città che ha fatto dell'automobile ciò che gli USA hanno fatto dell'arma da fuoco?Non c'è riuscito lo stesso Presidente degli Stati uniti a vincere contro la mafia dei produttori e venditori di fucili, ci riesce un sindaco a far ritornare automobile a Roma ad essere solo un mezzo? Dubito, posso?

    RispondiElimina
  2. La sosta selvaggia, oltre ad essere un'infrazione al Codice della Strada, andrebbe computata come reato penale (Interruzione di Pubblico Servizio). Si cominci a denunciare penalmente i responsabili, nonchè ad addebitare loro il conto dei danni, e vedi che il vizio glielo togli. Finchè la gente non rischia quasi nulla, continuerà a farlo. Prova a fare una cosa del genere in Germania, Svizzera o Austria, vedi come ti ritrovi in un secondo.

    RispondiElimina
  3. Scusate, ma qui a Roma c'è qualche regola che viene fatta rispettare? Anarchia totale: biciclette che non rispettano nulla, moto che sfrecciano sui marciapiedi, auto che passano col rosso, ecc.: vedete mai qualche vigile che interviene? Il bloccare i tram con sosta selvaggia fa parte di questa situazione che ormai, da anni, regna sovrana a Roma. Nessun politico, nei fatti reali, qualunque sia il suo orientamento ideologico, vuole andarci duro (tipo "Tolleranza zero" fatta dal sindaco Giuliani a New York anni fa), perchè teme di perdere consensi o di "passare da fascista". Se non ci decideremo a buttare via questa mentalità, ed a capire che "la legge è legge, e va rispettata", non credo cambieranno mai le cose.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il progetto della nuova linea 6

La considerazione dei tram a Roma

Un tram per Corso Rinascimento